Medjugorje

Nel maggio del 2006 ha inizio la nostra presenza a Medjugorje, in questo luogo di pace e di preghiera in cui la nostra Comunità affonda le sue radici.

 

La preghiera personale, comunitaria e in parrocchia è il fondamento della nostra vita.

 

Accanto ad essa, le nostre attività principali sono 

l'accoglienza dei pellegrini, cui proponiamo la testimonianza della storia della nostra Comunità e delle attività missionarie,

 

l'aiuto alle famiglie indigenti e

 

 l'assistenza agli anziani bisognosi, in collaborazione con le assistenti sociali del luogo. 

 

 

 

Come in tutte le altre Comunità, anche qui a Medjugorje cerchiamo di vivere il servizio a questi nostri fratelli secondo l'esempio di amore concreto del Servo di Dio Alessandro Nottegar e della sua famiglia. La presenza di Luisa, in una delle sue visite alla nostra Comunità, ci ha aperto il cuore per migliorare il nostro modo di servire.

 

"Perchè non sistemiamo il garage e ne facciamo una bella cameretta indipendente per accogliere una o due vecchiette e dar loro la possibilità di trascorrere una giornata con noi? In futuro, chissà, potremo accogliere quelle sole, senza familiari e senza possibilità economiche. La nostra auto può restare fuori", ha detto Luisa e noi l'abbiamo sentito come detto dal Signore. L'abbiamo presa in parola e arredato il garage con letti, armadio, bagnetto e fornello ed è diventato un monolocale molto bello e accogliente.

Così andiamo a prendere le nostre anziane al campo profughi, le portiamo alla s. messa in parrocchia e a pregare alla Croce Blu. Poi pranziamo insieme in Comunità e spesso loro si aprono e ci raccontano episodi del loro passato, le ferite e le sofferenze come profughe. Dopo pranzo fanno un riposino nella nuova cameretta. Passano una giornata di festa, di gioia e di pace qui in Comunità e, tornando a casa, ci dicono: "Grazie! Oggi abbiamo vissuto una giornata di Paradiso!".